Avvocato Sabrina Cestari

Patrocinante in Cassazione

Via Lauricella, 9 - Palazzo Frangiamore - scala B - secondo piano interno 2 - Agrigento 92100

Si riceve esclusivamente su appuntamento
cel: 3383815412

fax 0922 26250

mail: avvsabrinacestari@libero.it

P. IVA 02345560847

C.F. CSTSRN64B50D548K

pec: sabrinacestari@avvocatiagrigento.it

Le news del 2014

Calendario

ottobre: 2014
L M M G V S D
« set    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  
Le domande poste via blog o via mail all'Avvocato devono rispettare le regole stabilite nelle note legali presenti sul sito, in caso contrario non potranno essere evase. Studio Legale Cestari Avvocato Sabrina

Comunicazione ai clienti dello Studio della zona di Trapani e provincia: la riunione che dovevamo programmare entro il mese di settembre (che verterà anche sulla “procedura per ristorare i soggetti danneggiati da trasfusione con sangue infetto, da somministrazione di emoderivati infetti o da vaccinazioni obbligatorie”, norma entrata in vigore nello scorso mese di agosto), è stata fissata per domenica 28 (corrente mese) ore 11 presso la sede dell’Associazione Talassemici di Agrigento, Via Francesco Crispi, 150.

Si evidenzia che le comunicazioni indirizzate ai clienti della zona di Trapani ed a quelli della zona di Agrigento (la riunione ad Agrigento si è svolta domenica scorsa in ambito assembleare) sono distinte in ragione delle diversità dei contenziosi instaurati, che come ben sanno gli assistiti, sono iniziati in tempi diversi e hanno avuto, al momento, un diverso iter anche giudiziale, questo rende necessario distinguere le due riunioni di settembre e comporta, altresì, l’urgenza di una riunione specifica e separata da questioni associative per gli assistiti della zona di Trapani, come già preannunciato ai clienti prima della pausa estiva.

La conferenza di ottobre (domenica 26, luogo da destinarsi di cui verrà data comunicazione sul sito), tenuta congiuntamente all’Avvocato Alberto Cappellaro del foro di Milano, avrà… Continua a leggere

Pubblico il comunicato della Fondazione Giambrone in ordine all’audizione relativa alla Determina AIFA 17 marzo 2014 (Inserimento dei farmaci chelanti “deferoxamina e deferiprone” nell’elenco dei medicinali erogabili a totale carico del Servizio Sanitario Nazionale).

Avvocato Sabrina Cestari

se ti e' piaciuto questo articolo condividilo

Comunicazione agli assistiti della zona di Agrigento e provincia

Comunicazione ai clienti dello Studio della zona di Agrigento e provincia: nell’ambito dell’Assemblea, che si terrà presso la sede dell’Associazione Talassemici di Agrigento domenica 21 settembre corrente mese ore 10, è stata inserita, quale argomento all’ordine del giorno, la questione “procedura per ristorare i soggetti danneggiati da trasfusione con sangue infetto, da somministrazione di emoderivati infetti o da vaccinazioni obbligatorie”, norma entrata in vigore lo scorso mese di agosto.
L’argomento verrà trattato dalla sottoscritta anche in qualità di Legale dell’Associazione di Agrigento e della Fondazione nazionale L. Giambrone.
La riunione, trattandosi di assemblea associativa, è aperta naturalmente solo agli associati.
Nel mese di ottobre del corrente anno (la data verrà comunicata sul presente sito) gli Avvocati Cestari e Cappellaro, nell’ambito di una apposita conferenza tratteranno il medesimo argomento.
Si ringrazia il Presidente dell’Associazione Talassemici di Agrigento, Roberto Piccione, per la costante e fattiva collaborazione.

Comunicazione agli assistiti della zona di Trapani e provincia

Comunicazione ai clienti dello Studio della zona di Trapani e provincia: la riunione che dovevamo programmare entro il mese di settembre (che verterà anche sulla “procedura per ristorare i soggetti danneggiati da trasfusione con sangue infetto, da somministrazione… Continua a leggere

Il 7 agosto 2014 la Camera dei Deputati ha approvato in via definitiva l’art. 27 bis del decreto legge 24 giugno 2014, n. 90, norma concernente la “procedura per ristorare i soggetti danneggiati da trasfusione con sangue infetto, da somministrazione di emoderivati infetti o da vaccinazioni obbligatorie”.
Nei prossimi giorni il provvedimento verrà promulgato e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale.
Il testo approvato dal Parlamento è il seguente:
“1. Ai soggetti di cui all’articolo 2, comma 361, della legge 24 dicembre 2007, n. 244, che hanno presentato entro la data del 19 gennaio 2010 domanda di adesione alla procedura transattiva, nonché ai loro aventi causa nel caso in cui nelle more sia intervenuto il decesso, è riconosciuta, a titolo di equa riparazione, una somma di denaro, in un’unica soluzione, determinata nella misura di euro 100.000 per i danneggiati da trasfusione con sangue infetto e da somministrazione di emoderivati infetti e nella misura di euro 20.000 per i danneggiati da vaccinazione obbligatoria. Il riconoscimento è subordinato alla verifica del possesso dei requisiti di cui all’articolo
2, comma 1, lettere a) e b), del regolamento di cui al decreto del Ministro del lavoro, della salute e delle politiche sociali 28 aprile 2009, n.… Continua a leggere

(Corte di Cassazione, sez. IV Penale, sentenza 7 marzo – 29 luglio 2014, n. 33428)

Nel caso di specie veniva proposto ricorso avverso il decreto con il quale il Tribunale, su istanza dell’Agenzia delle entrate, aveva revocato il provvedimento di ammissione al patrocinio a spese dello Stato pronunciato a favore del ricorrente, essendo stato ritenuto che dalla documentazione prodotta dall’ufficio erariale emergesse che lo stesso, nell’anno 2010, era familiare a carico dei genitori con un reddito complessivo superiore a quello compatibile con il beneficio in parola.
Il ricorrente sosteneva che anagraficamente era residente sin dalla 2006 in luogo diverso da quello in cui risiedeva la famiglia di origine e che egli era unico componente del proprio nucleo familiare, solo per un disguido la dichiarazione dei redditi dei genitori, anche per gli anni successivi al 2007, lo aveva indicato quale familiare non convivente a carico dei propri genitori e ciò nonostante il fatto che egli nell’anno 2010 avesse percepito un reddito personale pari ad Euro 3500, incompatibile con la qualificazione di componente fiscalmente a carico del nucleo familiare di origine.
Orbene, l’articolo 76, comma 2 d.p.r. 115/2002 dispone che il reddito computabile ai fini della ammissione al beneficio de quo è… Continua a leggere

A norma dell’art. 9, comma 1-bis, del d.p.r. 30 maggio 2002, n. 115 nelle controversie di assistenza obbligatoria (e quindi in tutte quelle concernenti l’indennizzo ex lege 210/92, incluse quelle nelle quali si chieda anche la sola rivalutazione integrale dell’indennizzo), sono obbligati a versare il contributo unificato soltanto coloro che, sulla base dell’ultima dichiarazione, sono titolari di un reddito imponibile, ai fini dell’imposta personale sul reddito, superiore a tre volte l’importo previsto dall’articolo 76 del medesimo decreto.
Tale ultimo importo è stabilito con decreto del Ministro della giustizia.
Il precedente importo indicato nell’art. 76 citato, introdotto con decreto del 2 luglio 2012, era pari a euro 10.766,33: la soglia di esenzione, al di sopra della quale scatta l’obbligo di versamento del contributo, era pertanto pari a € 32.298,99.
Con decreto del 1 aprile 2014, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 169 del 23 luglio 2014, il predetto importo è stato aumentato a 11.369,24 euro, con la conseguenza che la soglia dell’esenzione è attualmente fissata a € 34.107,72.
E’ bene precisare che con circolare n. 10 dell’11 maggio 2012 il Ministero della Giustizia ha chiarito che, ai fini dell’esenzione, il reddito è dato dalla somma dei redditi di ogni componente della famiglia… Continua a leggere

Pubblichiamo le tabelle per il risarcimento del danno non patrimoniale, redatte dall’Osservatorio sulla giustizia civile di Milano, con gli importi aggiornati al 2014.
Tali tabelle hanno ormai assunto per la liquidazione del danno non patrimoniale, tanto a favore dei danneggiati, quanto dei familiari di coloro che sono deceduti, valenza pressoché nazionale.

Sabrina Cestari e Alberto Cappellaro

se ti e' piaciuto questo articolo condividilo

In ordine ai ritardi nella disponibilità del farmaco SOFOSBUVIR ai pazienti con epatite C, pubblichiamo la lettera inviata dalla Fondazione Giambrone alla Gilead Sciences S.r.l. e per conoscenza al Ministero della Salute On. Beatrice Lorenzin nonché al Prof. Luca Pani Direttore Generale AIFA- Agenzia Italiana del Farmaco.

Studio Legale Avvocato Sabrina Cestari

se ti e' piaciuto questo articolo condividilo

Pubblico integralmente l’intervista rilasciata da Alberto Cappellaro al giornalista Pietro Bellatoni del Corriere della Calabria in merito al mancato trasferimento alle Regioni dei fondi ex lege 210/92.
L’intervista è stata pubblicata il 17 luglio scorso.
Avvocato Sabrina Cestari

10538073_10203791605017818_7827208896511103656_n

se ti e' piaciuto questo articolo condividilo

Ecco il comunicato della Fondazione Giambrone in ordine alla sospensione della Determina AIFA del 17 marzo 2014 n. 281 relativa all’ssociazione farmaci chelanti deferoxamina e deferiprone.

Eventuali domande in merito possono essere rivolte agli esperti scientifici sul sito della Fondazione compilando gli appositi format.

Avvocato Sabrina Cestari

se ti e' piaciuto questo articolo condividilo

visite

Note: Alcuni documenti pubblicati in questo sito sono in formato PDF. se avete difficoltà a visualizzarli e scaricarli dovete utilizzare Acrobat Reader Per qualsiasi difficoltà tecnica non esitate a contattare il webmaster a questo indirizzo mail: sgobbi.marco@gmail.com

Area riservata

Commenti recenti


Questo e' un QrCode, con l'applicazione idonea il vostro smartphone vi permetterà di visualizzare le informazioni in esso contenute