Blog dell'Avvocato
Sabrina Cestari
.
Patrocinante in Cassazione
.
Via Lauricella, 9
92100 Agrigento AG
tel. 3383815412 – fax 0273967469
.
mail: avvsabrinacestari@libero.it
.
pec: sabrinacestari@avvocatiagrigento.it
.
C.F. CSTSRN64B50D548K
.
P. IVA 02345560847
.
Ordine degli Avvocati di Agrigento

Note: Alcuni documenti pubblicati in questo sito sono in formato PDF. se avete difficoltà a visualizzarli e scaricarli dovete utilizzare Acrobat Reader

avviso

 

 

Archivi del mese: Febbraio 2019

Ringraziando Aster per l’informazione ricevuta, pubblichiamo qui di seguito gli importi dei bimestri dovuti ex lege 210/92, determinati dal Ministero della salute previa applicazione, sui ratei dell’anno precedente, di un tasso di inflazione programmato pari all’1,2%:

Categoria Bimestrale
Prima 1776,79
Seconda 1749,58
Terza 1722,56
Quarta 1695,43
Quinta 1668,24
Sesta 1641,02
Settima 1613,88
Ottava 1586,67

Sabrina Cestari e Alberto Cappellaro

Visite: 436
se ti e' piaciuto questo articolo condividilo

Con sentenza n. 4309/19, depositata il 14 febbraio 2019, la Cassazione è intervenuta nuovamente in tema di configurabilità della compensatio lucri cum damno tra somme percepite a titolo di indennità, ai sensi della legge 210/1992 e quelle richieste a titolo di risarcimento del danno.

La Suprema Corte ha ricordato che il tema della compensatio è stato recentemente affrontato dalle Sezioni Unite nelle sentenze n. 12564, 12565, 12566 e 12567 del 22 maggio 2018.

Nel caso di specie, afferma la Cassazione, si tratta di verificare se, ed in quali termini, l’istituto della compensatio risulti applicabile ove sia accertata una responsabilità risarcitoria di un’azienda sanitaria locale e, in generale, di una struttura del S.S.N., alla luce della pregressa giurisprudenza di legittimità e delle più recenti pronunce delle Sezioni Unite.

Secondo la Suprema Corte in particolare deve verificarsi se e come incidano nella materia i principi espressi dalle Sezioni Unite “secondo cui, ai fini dell’operatività della compensatio, debbono ricorrere un collegamento funzionale tra la causa dell’attribuzione patrimoniale e l’obbligazione risarcitoria (nel senso che entrambe siano volte a rimuovere il pregiudizio derivante dall’illecito) e, al contempo, la previsione di un meccanismo di surroga o di rivalsa volto ad evitare che quanto erogato dal… Continua a leggere