Blog dell'Avvocato
Sabrina Cestari
.
Patrocinante in Cassazione
.
Via Lauricella, 9
92100 Agrigento AG
tel. 3383815412 – fax 0273967469
.
mail: avvsabrinacestari@libero.it
.
pec: sabrinacestari@avvocatiagrigento.it
.
C.F. CSTSRN64B50D548K
.
P. IVA 02345560847
.
Ordine degli Avvocati di Agrigento

Note: Alcuni documenti pubblicati in questo sito sono in formato PDF. se avete difficoltà a visualizzarli e scaricarli dovete utilizzare Acrobat Reader
articoli anno 2018
avviso

 

 

Riporto l’articolo pubblicato ieri da Alberto Cappellaro in relazione all’integrale rivalutazione del rateo ex lege 210/92 utilizzato quale base di calcolo in sede di determinazione dell’indennizzo ex lege 229/05.

La sentenza citata nell’articolo è disponibile sul sito di Alberto.

Sabrina Cestari

Pubblico la sentenza n. 2645 del 12 luglio 2013 con la quale il Tribunale di Trani, sezione lavoro, ha condannato il Ministero della salute a determinare l’indennizzo ex art. 1 legge 229/05 sulla base di un rateo, ex lege 210/92, rivalutato per intero in entrambe le sue componenti (assegno e indennità integrativa speciale).
L’indennizzo aggiuntivo disciplinato dall’art. 1 della legge 229/05 consiste infatti “in un assegno mensile vitalizio, di importo pari a sei volte la somma percepita dal danneggiato ai sensi dell’articolo 2 della legge 25 febbraio 1992, n. 210, per le categorie dalla prima alla quarta della tabella A annessa al testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 23 dicembre 1978, n. 915, e successive modificazioni, a cinque volte per le categorie quinta e sesta, e a quattro volte per le categorie settima e ottava“.
Nel determinare tale importo il Ministero della salute si serve di tabelle che prevedono la rivalutazione annua, sulla base del tasso di inflazione programmato, del solo assegno.
Come correttamente osserva il Tribunale, il Ministero dovrebbe invece utilizzare un rateo ex lege 210/92 integralmente rivalutato, anche nella componente determinata con riferimento all’indennità integrativa speciale.
Ringrazio Aster per avermi trasmesso il documento.

Alberto Cappellaro

Visite: 7979
se ti e' piaciuto questo articolo condividilo

4 risposte a Indennizzo ex art. 1 legge 229/05: il rateo ex lege 210/92, utilizzato quale base di calcolo, deve essere integralmente rivalutato

  • Avv. Cestari scrive:

    @ ferro gaetano

    se ha vinto la causa e la sentenza è passata in giudicato può instaurare il giudizio di ottemperanza oppure può chiedere al Ministero con apposita istanza che la liquidazione avvenga celermente, provando le condizioni di salute di suo marito con apposita certificazione e/o le vostre condizioni economiche, ne parli con il Suo Legale.
    Cordiali saluti.
    Sabrina Cestari

  • Avv. Cestari scrive:

    @ angelo

    può farlo, tuttavia, in questo modo non avrà una ricevuta di ritorno, per questo usualmente viene utilizzato il fax oppure la raccomandata con ricevuta di ritorno o la pec.

    Cordiali saluti
    Sabrina Cestari

  • Avv. Cestari scrive:

    @Teo

    Solo i danneggiati da vaccinazione possono chiedere due indennizzi: quello previsto dalla l. 210/92 e quello aggiuntivo disciplinato dalla legge 229/05, tale ulteriore indennizzo consiste in un assegno mensile vitalizio, di importo pari a sei volte la somma percepita dal danneggiato ai sensi dell’articolo 2 della legge 25 febbraio 1992, n. 210, per le categorie dalla prima alla quarta della tabella A annessa al testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 23 dicembre 1978, n. 915, e successive modificazioni, a cinque volte per le categorie quinta e sesta, e a quattro volte per le categorie settima e ottava. Esso e’ corrisposto per la meta’ al soggetto danneggiato e per l’altra meta’ ai congiunti che prestano o abbiano prestato al danneggiato assistenza in maniera prevalente e continuativa.
    Cordiali saluti
    Avv. Cestari

  • Avv. Cestari scrive:

    @ teo

    Si, coloro che hanno contratto hcv, hbv, hiv, attraverso trasfusioni possono richiedere l’indennizzo ex lege 210/92 ed eventualmente instaurare la causa per il risarcimento dei danni. Naturalmente la patologia contratta, a seconda della gravità, potrà anche incidere in sede di valutazione ai fini dell’eventuale domanda di invalidità.
    Cordiali saluti.
    Sabrina Cestari

Calendario
Dicembre: 2018
L M M G V S D
« Lug    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Area riservata