Avvocato
Sabrina Cestari
.
Patrocinante in Cassazione
.
Via Lauricella, 9
92100 Agrigento AG
tel. 3383815412 – fax 0273967469
.
mail: avvsabrinacestari@libero.it
.
pec: sabrinacestari@avvocatiagrigento.it
.
C.F. CSTSRN64B50D548K
.
P. IVA 02345560847
.
Ordine degli Avvocati di Agrigento

Note: Alcuni documenti pubblicati in questo sito sono in formato PDF. se avete difficoltà a visualizzarli e scaricarli dovete utilizzare Acrobat Reader
avviso

 

 

La Regione Puglia, con una circolare del 28/01/2013 ha dato disposizioni alle ASL di provvedere al pagamento, a partire dal 1° Gennaio 2013, degli indennizzi ai cittadini danneggiati da trasfusioni e vaccinazioni, come stabilito dalla legge 210 del 1992, precisando che gli indennizzi saranno rivalutati sulla base del tasso d’inflazione programmato 2013 pari al 1,5%, anche per la quota relativa all’Indennità Integrativa Speciale.
Nella nota la Regione sottolinea che, a seguito della sentenza della Corte Costituzionale, che ha sancito l’illegittimità dell’articolo 11, commi 13 e 14, del decreto legge 31 Maggio 2010, n.78, la Commissione Salute della Conferenza delle Regioni ha reiteratamente richiesto al Ministro della Salute indicazioni per stabilire i criteri da seguire per l’applicazione della suddetta sentenza, tuttavia, tali richieste sono rimaste inevase. Pertanto, l’assessorato Regionale alle Politiche della Salute, con nota del 14 Gennaio 2013, ha comunicato al Ministero la volontà di procedere all’esecuzione di quanto stabilito dalla Corte Costituzionale, evidenziando però che, ai sensi dell’art. 8 della legge 210/92, la copertura finanziaria resta di pertinenza dello Stato.

Sabrina Cestari

Visite: 8009
se ti e' piaciuto questo articolo condividilo

9 Responses to Rivalutazione integrale dell’indennizzo ex lege 210/92: nota della Regione Puglia

  • Avv. Cestari scrive:

    @ Nicola

    Non ho ben compreso la Sua domanda, in ogni caso preciso che, nonostante la sentenza della Corte Costituzionale, non tutti coloro che percepivano e che percepiscono l’indennizzo ex lege 210/92, hanno avuto rivalutato integralmente l’importo del beneficio di cui sono titolari.
    Il Ministero ha adeguato, infatti, dal gennaio 2012, gli indennizzi che vengono erogati direttamente dal Ministero dell’Economia e Finanze, quelli che vengono erogati, invece, da Asl e Regioni hanno subito sorti diverse, in quanto lo stesso Ministero non ha provveduto a fornire a tali Enti i chiarimenti richiesti in ordine alla rivalutazione; per altro, come sottolinea anche la nota della Regione Puglia, il finanziamento di tali emolumenti è a carico dello Stato.
    Questo ha determinato discriminazioni sul territorio nazionale a seconda del luogo di residenza del danneggiato.
    Non posso che pensare il peggio di questa situazione, che costringe le categorie più deboli ad un contenzioso infinito anche laddove i loro diritti siano stati riconosciuti giudizialmente.

    Cordiali saluti

    Sabrina Cestari

  • Avv. Cestari scrive:

    @ Giuseppe

    Il Ministero ha adeguato gli importi con decorrenza gennaio 2012 solo di coloro che vengono pagati direttamente dal Mef, ad oggi, non mi risulta che abbia fornito indicazioni alle Regioni per gli arretrati.
    La Regione Puglia ha ben evidenziato nel proprio comunicato che la copertura finanziaria è di pertinenza dello Stato ed ha sottolineato che avrebbe adeguato il bimestrale dal 2013, senza tuttavia precisare cosa intenda fare per gli arretrati.
    Pertanto, non sono in grado di dirLe se gli arretrati verranno corrisposti su iniziativa regionale e se nei confronti di tutti i danneggiati o solo di coloro che hanno ottenuto una sentenza favorevole passata in giudicato, purtroppo, fin tanto che il Ministero non fornirà indicazioni esisteranno situazioni diverse a seconda della Regione di residenza.
    Cordiali saluti,

    Sabrina Cestari

  • Avv. Cestari scrive:

    @ Giuseppe

    Lo scorso anno il Ministero aveva affermato che avrebbe provveduto alla rivalutazione dell’indenizzo da gennaio 2012, direttamente nei confronti di coloro che vengono pagati dal Mef e dando disposizioni alle Regioni per coloro che, invece, vengono pagati dagli Enti Locali.
    Invero, le Regioni non hanno ricevuto alcuna disposizione e da qui le differenze sul territorio nazionale.
    Il Ministero, al contrario, non ha mai affermato di voler procedere al pagamento spontaneo degli arretrati, per i quali ancora oggi l’unica strada rimane la diffida seguita dal contenzioso.
    Lo scorso anno, per essere precisi, doveva essere introdotta una norma che avrebbe previsto la rivalutazione solo a partire dal 2008, tale norma, tuttavia, è stata espunta dal provvedimento finale e non è mai entrata in vigore, per altro, sulla sua formulazione vi sarebbe stata da avanzare più di una critica e non solo per l’epoca di decorrenza del diritto.

    Cordiali saluti,

    Sabrina Cestari

  • Avv. Cestari scrive:

    @ Francesco

    Il Ministero sta escludendo i trasfusi prima del 24 luglio 1978, anche qualora siano stati trasfusi sia prima della succitata data, sia successivamente alla stessa.
    Buona serata,
    Sabrina Cestari

  • Avv. Cestari scrive:

    @ Nuccio

    La ringrazio sentitamente anche a nome di Alberto Cappellaro.
    Per quanto mi riguarda non ho notizie al momento sul pagamento dell’ultimo bimestre per la Regione Calabria e sulla rivalutazione, naturalmente sarà mia cura postarle non appena dovessi reperirle.
    Vorrei aggiungere che molte delle informazioni provengono proprio dai Voi danneggiati ed i siti dovrebbero contribuire, tra l’altro, anche allo scambio di notizie, cosa che già avviene, da anni, con grande efficacia sul sito di Alberto.

    Cordiali saluti,

    Sabrina Cestari

  • Avv. Cestari scrive:

    @ Lucia

    Sì, i tempi del Ministero in ordine ai pagamenti sono “biblici”, se la sentenza è passata in giudicato valuti con il Suo Legale l’opportunità di instaurare un giudizio di ottemperanza:
    Cordiali saluti.
    Avv. Cestari

  • Avv. Cestari scrive:

    @ Salvatore

    Mi chiami nel pomeriggio (3383815412) oppure mi invii in suo numero privatamente via mail (avvsabrinacestari@libero.it) la richiamerò io stessa.

    Cordiali saluti.

    Sabrina Cestari

  • Avv. Cestari scrive:

    @ giovanni

    Per la presentazione della domanda ho bisogno di tutta la documentazione medica, come Le ho detto al telefono.

    Cordiali saluti

    Sabrina Cestari

  • Sabrina Cestari scrive:

    @ Ottavio

    La causa volta al recupero degli arretrati (derivanti dalla rivalutazione integrale del rateo dell’indennizzo) deve essere instaurata nei confronti del Ministero della salute. Per ulteriori informazioni mi contatti senza impegno via mail (avvsabrinacestari@libero.it). Cordialità. Avv. Cestari