Blog dell'Avvocato
Sabrina Cestari
.
Patrocinante in Cassazione
.
Via Lauricella, 9
92100 Agrigento AG
tel. 3383815412 – fax 0273967469
.
mail: avvsabrinacestari@libero.it
.
pec: sabrinacestari@avvocatiagrigento.it
.
C.F. CSTSRN64B50D548K
.
P. IVA 02345560847
.
Ordine degli Avvocati di Agrigento

Note: Alcuni documenti pubblicati in questo sito sono in formato PDF. se avete difficoltà a visualizzarli e scaricarli dovete utilizzare Acrobat Reader
articoli anno 2018
avviso

 

 

Oggi, 16 luglio 2013, il TAR Lazio ha pubblicato le prime cinque sentenze, con le quali ha definito altrettanti ricorsi promossi contro il c.d. Decreto moduli, cioè il provvedimento emanato il 13 luglio dello scorso anno.
In merito alla prescrizione il TAR ha confermato quanto già statuito dal Consiglio di Stato nella sentenza n. 2506 del 9 maggio 2013, relativa al decreto n. 132/2009 (c.d. Regolamento sulle transazioni), affermando che l’applicazione dell’istituto, anche qualora non fosse prevista dalla normativa di settore, sarebbe comunque imposta dalla legge.
Secondo i giudici amministrativi, pertanto, i prescritti non possono essere ammessi alla fase di stipula delle transazioni.
Il TAR, al contempo, ha considerato illegittimo l’art. 5 comma 2 del decreto moduli, che esclude dalle transazioni coloro che sono stati contagiati prima del 24 luglio 1978, norma ritenuta non conforme, tra l’altro, all’orientamento della Cassazione.
Conseguentemente il TAR ha annullato il Decreto impugnato nella suddetta parte, nei confronti dei danneggiati che hanno promosso i procedimenti decisi con le pronunce qui esaminate.
Appena possibile posteremo un commento più approfondito.

Sabrina Cestari e Alberto Cappellaro

Visite: 2418
se ti e' piaciuto questo articolo condividilo

Una risposta a Transazioni: luci ed ombre dalle sentenze del Tar

  • Avv. Cestari scrive:

    @ Sara, Luca, Marco, Nichi

    @ Sara

    Le sentenze del Tar di ieri hanno affermato che l’evento trasfusionale anteriore al 24/07/1978, utilizzato quale criterio per escludere dalle transazioni, è illegittimo, ma hanno anche sancito che la prescrizione può essere utilizzata per escludere dalle transazioni.
    Le stesse sentenze incidono direttamente sulle posizioni di coloro che hanno presentato i relativi ricorsi, in quanto alle ripercussioni concrete sugli altri casi le stesse devono essere valutate dal singolo danneggiato insieme al proprio Legale.

    @ Luca

    Il decreto è stato giudicato legittimo in relazione all’aspetto prescrizione utilizzata quale criterio escludente dalle transazioni e illegittimo in relazione all’aspetto evento trasfusionale ante ’78.
    Il Tar ha precisato, con riguardo a quest’ultimo criterio, che il decreto “(nei limiti dell’interesse di coloro tra i ricorrenti che siano pregiudicati dalla specifica prescrizione di cui si è detto)” deve essere annullato.
    Detto questo la portata generale o meno dell’annullamento di un atto amministrativo dipende dalla sua natura, sulla quale lo stesso Tar nelle sentenze qui commentate sembra nutrire dubbi, aggiunga a questo che sarebbe necessario leggere per intero i ricorsi decisi con le sentenze in questione per capire cosa esattamente sia stato richiesto e sarebbe necessario, altresì, valutare ogni singola posizione anche dei non ricorrenti “carte alla mano”.
    Conseguentemente le ripercussioni sui singoli casi devono essere necessariamente valutate insieme al proprio Legale, non solo perché implicano interpretazioni giuridiche, ma anche perché richiedono l’analisi della singola specifica posizione processuale civile e amministrativa.

    @ Marco

    Sì, lo scorso anno sono stati presentati circa 40 ricorsi, ieri ne sono stati decisi 5.
    Anche gli altri ricorsi riguardano il decreto moduli, ma solo chi li ha redatti, ovvero i singoli Studi Legali, ne conosce i contenuti.
    Possiamo supporre che molti aspetti siano gli stessi già affrontati nelle 5 sentenze suddette (prescrizione, evento ante ’78, ecc..), tuttavia, i ricorsi potrebbero contenere, altresì, rilievi ulteriori e diversi in relazione alla legittimità del decreto moduli.
    Non ci resta che attendere l’emanazione delle successive sentenze.

    @ Nichi

    Nelle sentenze di ieri non è stato affrontato il problema “sentenza favorevole”, ma solo il criterio prescrizione quale criterio idoneo ad escludere dalle transazioni.
    Le risposte della magistratura amministrativa alle altre domande in relazione alla prescrizione saranno verosimilmente rese nell’ambito dei ricorsi che decideranno sui provvedimenti definitivi di esclusione.
    In sede amministrativa il Ministero dovrebbe chiarire alcuni di questi aspetti a seguito delle osservazioni che i Legali hanno inviato dopo aver ricevuto i preavvisi di rigetto, chiarimento che dovrebbe avvenire con l’invio dei provvedimenti definitivi e che, considerato il comportamento tenuto sino ad ora dal Ministero, non appare affatto scontato.

    ***

    Nei prossimi giorni pubblicherò un articolo più approfondito in relazione alle sentenze succitate.

    Cordiali saluti a tutti.

    Sabrina Cestari

Calendario
Dicembre: 2018
L M M G V S D
« Lug    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Area riservata