Avvocato
Sabrina Cestari
.
Patrocinante in Cassazione
.
Via Lauricella, 9
92100 Agrigento AG
tel. 3383815412 – fax 0273967469
.
mail: avvsabrinacestari@libero.it
.
pec: sabrinacestari@avvocatiagrigento.it
.
C.F. CSTSRN64B50D548K
.
P. IVA 02345560847
.
Ordine degli Avvocati di Agrigento

Note: Alcuni documenti pubblicati in questo sito sono in formato PDF. se avete difficoltà a visualizzarli e scaricarli dovete utilizzare Acrobat Reader
avviso

 

 

Oggi, 23 ottobre, ho ricevuto una pec (posta elettronica certificata) dal Ministero della Salute con preavviso di rigetto in relazione ad un cliente, la motivazione è il decorso del termine di prescrizione previsto dal DM 4 maggio 2012, naturalmente l’assisto è già stato avvisato.

Sabrina Cestari

Visite: 2790
se ti e' piaciuto questo articolo condividilo

14 Responses to Transazioni: primo preavviso di rigetto dal Ministero

  • Avv. Cestari scrive:

    @ Giuseppe,

    Non ho ricevuto, per il momento, pec dal Ministero riguardanti emofilici/thalassemici recanti quale motivazione del diniego trasfusioni effettuate prima del 1978, nè ho notizia, ad oggi, di altri Colleghi con casi analoghi. Se il Ministero si fosse davvero orientato in tal senso, riterrei tale scelta arbitraria, illegittima, infondata scientificamente, foriera di infiniti nuovi ricorsi e motivata esclusivamente da un criterio di “cassa”.
    Cordiali saluti,

    Sabrina Cestari

  • Avv. Cestari scrive:

    @ Giuseppe

    Conoscevo la notizia del preavviso pervenuto al Collega Calandrino e sono al corrente delle “voci” che circolano in relazione alla possibile esclusione degli “ante 78” emofilici/thalassemici. Attraverso le prossime pec sarà possibile dirimere i dubbi ed accertare se il Ministero abbia davvero intenzione di applicare questo ulteriore “paletto”, in ordine al quale il mio giudizio non può che essere negativo per le ragioni che Le ho precedentemente esposto.
    Buona serata.
    Sabrina Cestari

  • Avv. Cestari scrive:

    @ Leo

    Per capire come verrano applicate in concreto dal Ministero le disposizioni del Decreto è necessario analizzare i preavvisi di rigetto e successivamente i provvedimenti di esclusione, al momento il mio Studio ha ricevuto un solo preavviso, che del resto mi attendevo, poichè in quel caso (danneggiato occasionale post ’78) la prescrizione era, purtroppo, già sancita in una sentenza se pur non passata in giudicato. Pertanto, al momento non ho a disposizioni dati certi che mi consentano di risponderLe.
    Cordiali saluti,
    Sabrina Cestari

  • Avv. Cestari scrive:

    @ Leo

    Aggiungo, per completezza, che se Lei si riferisce al fatto che il Ministero pare, e sottolineo pare, voglia esclusdere emofilici e thalassemici che hanno effettuato trasfusioni ante ’78, l’unico modo per averne la conferma è tale motivazione in un provvedimento di rigetto.
    Buona giornata,
    Sabrina Cestari

  • Avv. Cestari scrive:

    @ Massimo

    Condivido, come ho già scritto che se il Ministero si fosse orientato in tal senso, riterrei tale scelta arbitraria, illegittima, infondata scientificamente.
    Cordiali saluti,
    Sabrina Cestari

  • Avv. Cestari scrive:

    @ Leo

    Non posso che darLe ragione.
    Cordiali saluti,
    Sabrina Cestari

  • Avv. Cestari scrive:

    @ Giuseppina

    I ricorsi al Tar per conto di coloro che sono stati esclusi dalla transazione in base dal decreto sono già stati notificati, sia dal mio Studio che da altri Colleghi, in quanto il termine per poterlo fare è già scaduto. Per quanto mi riguarda non ho ancora presentato ricorso alla Cedu.
    Cordiali saluti,

    Sabrina Cestari

  • Avv. Cestari scrive:

    @ Antonio

    Ad oggi il Ministero sta ancora inviando i preavvisi di rigetto attraverso pec agli Avvocati dei danneggiati, non sono a conoscenza di altre comunicazioni.
    Cordiali saluti,

    Sabrina Cestari

  • Avv. Cestari scrive:

    @ Alessandro

    Se il Ministero, come sembra, applica automaticamente il termine di prescrizione di 5 anni dalla data della domanda Lei ai fini del computo del termine dovrebbe considerare la data di presentazione della domanda di indennizzo (giorno mese ed anno) e la data di notifica dell’atto di citazione in giudizio del Ministero (data che solo il Suo Avvocato conosce), inoltre ad oggi non sappiamo se il Ministero terrà in considerazione, almeno nella fase di trasmissione delle eventuali osservazioni a seguito del preavviso di rigetto, gli atti interruttivi della prescrizione, sempre che esistano, ovvero le diffide inviate prima della notifica dell’atto di citazione. Pertanto, mi spiace, ma non ho elementi per dirLe se il Ministero la escluderà o meno dalla transazione, solo il Suo Avvocato, “carte alla mano”, potrà darLe risposte più precise.

    Cordiali saluti,

    Sabrina Cestari

  • Avv. Cestari scrive:

    @ Alessandro

    La data che viene presa in considerazione dal Ministero è quella della domanda dell’indennizzo.
    Per quanto concerne la Sua seconda domanda, sembra che il Ministero intenda inviare prima tutti i preavvisi di rigetto ovvero i provvedimenti che precedono l’esclusione e solo in un secondo momento procedere con le transazioni con coloro che possiedono i requisiti per accedervi in base al decreto, quindi, non ho ricevuto alcuna comunicazione in relazione a clienti “non prescritti” e non sono a conoscenza di Colleghi che abbiano ricevuto comunicazioni in tal senso.
    Cordiali saluti,

    Sabrina Cestari

  • Avv. Cestari scrive:

    @ Leo

    La transazione è un contratto, quindi, in caso di ammissione alla stessa la fase successiva è quella della stipulazione vera e propria dell’atto transattivo.
    Cordiali saluti,
    Sabrina Cestari

  • Avv. Cestari scrive:

    @ Donato

    Per quanto mi riguarda ne ho ricevuta una soltanto un mese or sono, ma anche nei giorni scorsi diversi Colleghi hanno ricevuto via pec dei preavvisi di rigetto, quindi, credo che nonostante i numerosi ricorsi al Tar il Ministero proseguirà con l’invio.
    Cordiali saluti,
    Sabrina Cestari

  • Avv. Cestari scrive:

    @ vittoria

    Il Ministero sembra voler escludere automaticamente dalla transazione coloro che non hanno iniziato la causa di risarcimento del danno entro 5 anni dalla data della domanda presentata per ottenere l’indennizzo bimestrale (legge 210/92), quindi Lei dovrebbe confrontare la data della domanda dell’indennizzo e la data di notifica dell’atto di citazione.
    Ad oggi non sappiamo se il Ministero terrà in considerazione, almeno nella fase di trasmissione delle eventuali osservazioni a seguito del preavviso di rigetto, eventuali atti interruttivi della prescrizione, sempre che nel Suo caso esistano, ovvero le diffide inviate prima della notifica dell’atto di citazione.
    Pertanto, mi spiace, ma non ho elementi per dirLe se il Ministero la escluderà o meno dalla transazione, solo il Suo Avvocato, “carte alla mano”, potrà darLe risposte più precise.
    Se Le servono ulteriori chiarimenti mi può telefonare (3383815412).
    Cordiali saluti,
    Sabrina Cestari

  • Avv. Cestari scrive:

    @ Camapacaval

    Al mio Studio ad oggi è arrivata una sola pec, quella di cui ho dato notizia. Ad altri Studi sono arrivate pec anche successivamente ai primi giorni di novembre e continuano ad arrivare. Non credo che il Ministero attenderà l’esito dei ricorsi al Tar per completare l’invio dei preavvisi di rigetto. Sui tempi, per esperienza, quelli preventivati dal Ministero non vengono quasi mai rispettati.
    Cordiali saluti,
    Sabrina Cestari